foto di Elena Fiorio - Burano maggio 2009
Il gufo e la stella
12 maggio 2019

Innamorata della versione giapponese...


Twinkle, Twinkle, Little Star è una famosa ninna nanna inglese le cui parole sono tratte da una poesia di Jane Taylor dal titolo "The Star", il testo è composto da cinque strofe la prima delle quali è universalmente conosciuta. La ninna nanna è cantata sulla melodia francese del brano "Ah! vous dirai-je, maman" pubblicato nel 1761 e successivamente arrangiato da diversi compositori tra cui Mozart.

Lulu il gufo e Juno la stella diventano amici e giocano insieme nel cielo notturno nel video animato, realizzato da Fuzz Animation per Super Simple, di questa popolare filastrocca che è stata tradotta anche in giapponese きらきらぼし (Kira Kira Boshi).

Brilla, brilla, piccola stella,
Mi chiedo cosa tu sia!
Al di sopra del mondo così in alto,
Come un diamante nel cielo.
Brilla, brilla, piccola stella,
Mi chiedo cosa tu sia!

Twinkle, twinkle, little star,
How I wonder what you are!
Up above the world so high,
Like a diamond in the sky.
Twinkle, twinkle, little star,
How I wonder what you are!

Kirakira hikaru,
Osora no hoshi yo
Mabataki shite wa
Minna o miteru
Kirakira hikaru,
Osora no hoshi yo

ASCOLTA Twinkle Twinkle Little Star
supersimple.com/super-simple-songs

ASCOLTA Kira Kira Boshi
www.youtube.com/supersimplejapanese

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: animali · cartoni animati · gufi · playlist
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Le vignette di Catsu the cat
13 gennaio 2018

Oliver è decisamente un gatto cappello...


Catsu è una piccola impresa familiare gestita da due persone e un gatto. Daria è la creativa a tutto tondo, il suo compagno D. offre consulenza e supporto e la gatta Dita svolge il prezioso compito di musa ispiratrice!
Catsu è un nome inventato simile alla parola gatto ma con un suono vagamente giapponese.

Il sito "Catsu the cat" raccoglie le divertenti vignette di Daria e propone in vendita piccoli oggetti che raffigurano un simpatico gattino nero.
Il web-shop estone garantisce le spedizioni ovunque ci sia una cassetta postale.

Qui si vedono: tecniche feline di appostamento ninja, variazioni stagionali di coccole e accessori moda imposti da un gatto addormentato.



www.catsuthecat.com


Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: animali · creatività · fumetti e vignette · gatti · oggetti · umorismo
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Parole intraducibili dal mondo
22 gennaio 2017

Curiosità tratte da WCpedia... la prima vera enciclopedia da bagno!

Esistono al mondo delle parole semplicemente intraducibili. Eccone quindici:

Layogenic, filippino. Una persona attraente solo se vista da lontano.
Baku-shan, giapponese. Una ragazza bella vista soltanto di spalle.
Torschlusspanick, tedesco. La paura di avere, invecchiando, meno opportunità.
Gufra, arabo. La quantità di acqua che è possibile contenere in una mano.
Kyoikumama, giapponese. Si dice di una madre che spinge in modo insistente il proprio figlio verso il successo accademico.
Kaapshljmurslis, lettone. La sensazione di sentirsi schiacciati tra due mezzi di trasporto.
Cafuné, brasiliano. L'azione di passare delicatamente le dita tra i capelli di un'altra persona.
Tartle, scozzese. Dimenticarsi il nome di qualcuno subito dopo essersi presentati.
Age-otori. giapponese. Vedersi peggio dopo essersi tagliati i capelli.
Palegg, norvegese. Qualsiasi cosa che si può spalmare su una fetta di pane.
Handschuhschneeballwerfer, tedesco. Si dice di una persona che usa i guanti per tirare le palle di neve.
Waldeinsamkeit, tedesco. La sensazione di trovarsi da soli in mezzo agli alberi.
Hanyauku, rukwangali (Namibia). La sensazione di camminare in punta di piedi sulla sabbia calda.
Sobremesa, spagnolo. Il momento che si rimane a parlare seduti a tavola dopo aver finito di mangiare.
Mangata, svedese. Il riflesso della luna sul mare.

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: lettura
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Ricetta: daikon e carote a pois
14 luglio 2016

Daikon e carote a pois

400 gr. di carote
400 gr. di daikon
2 cucchiai di salsa di soia
olio extravergine d'oliva
semi di papavero


Pelare con un pelapatate il daikon e le carote poi tagliare le carote a rondelle piuttosto spesse e il daikon a pezzi circa delle stesse dimensioni delle rondelle.
Mettere le verdure in una larga casseruola con l'olio, rosolarle velocemente poi cuocerle con il coperchio per 15/20 minuti a fuoco medio.
Terminata la cottura con il coperchio aggiungere la salsa di soia e fare asciugare a fiamma alta.
Quando le verdure sono ben rosolate ma ancora consistenti e croccanti spolverarle generosamente con i semi di papavero.
Portare in tavola il colorato contorno a pois.

Il daikon (in giapponese letteralmente "grossa radice") è chiamato anche ravanello bianco, giapponese o invernale ed è una varietà del ravanello comune originaria dell'Asia orientale. Esistono molte varietà di daikon e la più comune ha l'aspetto di una grossa carota bianca di circa 20/35 centimetri di lunghezza e di 5/10 di diametro. E' un ingrediente ampiamente utilizzato nella cucina giapponese e anche in altre cucine orientali, come quella coreana, cinese, vietnamita e indiana. Può essere utile sapere che la parte superiore, vicina alle foglie, è leggermente più dolce e meno pungente di quella finale.


Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: cibo · ricette
Tags: , , , , , , , , , , , , ,