Piadine all’olio d’oliva
27 marzo 2020

Chiusi in casa, la farina c’è ma niente uova e lievito. Parte l’esperimento piadina, sulla spianatoia della bisnonna…

Piadine all’olio d’oliva

400 gr. di farina 0
200 ml. di acqua
50 ml. di olio extravergine d’oliva
1 cucchiaino di sale
mezzo cucchiaino di bicarbonato (facoltativo)

Mettere in una ciotola abbastanza ampia la farina e al centro l’olio, il sale e il bicarbonato. Aggiungere lentamente l’acqua tiepida iniziando, a partire dal centro, a incorporare la farina.
Amalgamare gli ingredienti con l’aiuto di una spatola di silicone sino a ottenere un composto piuttosto morbido.
Lavorare poco l’impasto, giusto il tempo necessario per ottenere un panetto omogeneo, poi dividerlo in quattro e lasciarlo riposare per circa mezz’ora a temperatura ambiente.
Su un piano di legno ben infarinato stendere con un matterello le palline di pasta in dischi sottili (di 26/28 cm. circa).
Scaldare un testo romagnolo sul fuoco a fiamma vivace, e quando ben caldo, cuocere le piadine per pochi minuti per lato sino a quando i dischi iniziano a gonfiarsi presentando le tipiche bolle.
Servire le piadine ancora calde con salumi e formaggi oppure farcirle a piacere.

La piadina (o piada) è un pane molto sottile e senza lievitazione tipico della tradizione gastronomica della Romagna, a base di farina, acqua e strutto, che viene cotto su un disco di terracotta, detto teggia, o più comunemente su un testo di ghisa. La piadina ha origini antiche probabilmente comuni alla crescia sfogliata, tipica di Marche e Umbria, che prevede tra gli ingredienti anche uova e pepe. La piadina romagnola, con un disciplinare di produzione depositato, include la versione classica e quella riminese, più sottile e mediamente più grande.

piadine olio di oliva


ANTIPASTI Menù Primavera Vegani

Categorie: ANTIPASTI · focacce e muffin salati · Menù Primavera · Vegani
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Scrivi un commento