foto di Elena Fiorio - Burano maggio 2009
San Valentino, San Faustino o Santa Beatrice?
14 febbraio 2016



Se il 14 febbraio, San Valentino, è la festa per eccellenza degli innamorati celebrata in tutto il mondo, il 15 febbraio, San Faustino, è ormai la festa dei single sia quelli felici di esserlo sia quelli in cerca dell’anima gemella. Per chi, invece, di anima gemella ne ha più di una ecco che entra in gioco il 13 febbraio, Santa Beatrice, ovvero l’americano "Mistress day" giorno dedicato agli amanti.

Adesso sappiamo a che santo votarci...

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: animali · eventi · gatti
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Una mimosa…
8 marzo 2015

In Italia il ramo fiorito di mimosa viene tradizionalmente offerto alle donne il giorno dell'8 marzo per la Giornata internazionale della donna, questo a partire dal 1946 per iniziativa della parlamentare comunista Teresa Mattei.


Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: animali · eventi · gatti
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Concerto di Billy Idol a Milano
24 novembre 2014

Lo so è banale... ma lo dico lo stesso: che figo!

Billy Idol – Kings & Queens of the Underground Tour 2014-2015
Domenica 23 novembre, Fabrique, Milano

La scaletta:
Postcards from the past
Cradle of love
Can’t break me down
Dancing with myself (Generation X)
Flesh for fantasy
Save me now
Ready steady go (Generation X)
Sweet sixteen
Eyes without a face
L.A. woman (The Doors)
Guitar solo/King rocker (Generation X)
Whiskey and pills
Blue highway
Rebel yell
White wedding
Mony mony (Tommy James & The Shondells)


Oltre duemila persone al Fabrique di Milano per il concerto di Billy Idol del tour europeo. Il concerto dell'ex Generation X è stato un successo e ha visto in scaletta tutti i grandi classici del passato, oltre ai pezzi tratti dal nuovo "Kings & Queens of the Underground" (che segna il ritorno alla pubblicazione di un album di inediti). Uno show di grande qualità ed energia scenica.

Icona punk per eccellenza degli anni '80, connubio perfetto tra genio e sregolatezza, Billy Idol è una rock star che ha saputo crearsi una nicchia nella storia della musica pop rimanendo un nome di riferimento per più di 30 anni con stupendi pezzi come: Sweet sixteen, White wedding, Dancing with myself, Flesh for fantasy, Eyes without a face e Rebel yell.

Con questo concerto Billy Idol ha portato a Milano l'irresistibile miscela di glam, hard-rock, pop e punk che lo ha reso celebre negli anni '80. Importante ingrediente è stato il sodalizio (dal lontano 1982) con il chitarrista Steve Stevens che ha retto il confronto con il carismatico Billy in quanto a presenza scenica. Le prodezze musicali sul palco sono diventate vero spettacolo quando Steve ha suonato la chitarra prima dietro alle spalle poi con i denti.

A calcare il palco con Billy Idol, oltre al chitarrista Steve Stevens, Billy Morrison alla chitarra ritmica, Stephen McGrath al basso, Erik Eldenius alla batteria e Paul Trudeau alle tastiere.

Al momento dei saluti Billy non si è limitato a presentare la band e nemmeno a ricordare che il suo chitarrista è forever ma ha tenuto a presentare, a modo suo, se stesso: Billy FUCKING Idol.

Uno spettacolo sorprendente, un concerto dove Billy Idol ha mescolato vari generi musicali in modo così naturale come in pochi riescono a fare. D’altronde, idoli si nasce.



billyidol.net

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: eventi · musica
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Star Wars Day
4 maggio 2014

Buon compleanno Ste... e auguri anche a Rocco Siffredi!


Il 4 maggio è il giorno internazionalmente conosciuto come Star Wars Day. Perché proprio oggi? Semplice: "May the 4th be with you" ha un'evidente assonanza con "May the force be with you" (Che la forza sia con te!) la mitica frase dei Cavalieri Jedi.


Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: cinema · eventi
Tags: , , , , , ,

Giornata della donna
8 marzo 2014

Auguri a tutte le donne... (o quasi!)


La Giornata internazionale della donna (comunemente definita in modo improprio Festa della donna) ricorre l'8 marzo di ogni anno per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne e per sostenere la lotta contro le discriminazioni.
Questa celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in alcuni Paesi europei nel 1911 e in Italia nel 1922.

In molti pensano che questa giornata sia legata al rogo nel 1908 di una fabbrica di New York, la Cotton, dove morirono un centinaio di operaie, ma si tratta in realtà solo di una leggenda nata negli anni successivi alla seconda guerra mondiale.
La nascita della Giornata internazionale della donna può essere invece ricondotta al 28 febbraio 1909 quando il Partito socialista americano organizzò, nell'ultima domenica di febbraio, una grande manifestazione in favore del diritto al voto delle donne.

Alle manifestazioni per il suffragio universale si unirono presto altre rivendicazioni dei diritti femminili. Tra il novembre 1909 e il febbraio 1910 migliaia di camiciaie di New York scioperarono per chiedere un aumento del salario e un miglioramento delle loro condizioni di lavoro. Nel 1910 l'VIII Congresso dell'internazionale socialista propose l’istituzione di una giornata dedicata alle donne.

Dopo l’incendio nella fabbrica Triangle di New York, del 25 marzo 1911, dove persero la vita 146 lavoratori per lo più donne immigrate (da qui forse la leggenda della Cotton) le manifestazioni delle donne si moltiplicarono. In molti Paesi europei, tra cui Germania, Austria e Svizzera, furono istituite in diverse date delle giornate dedicate ai diritti delle donne.

L'8 marzo 1917 le donne di San Pietroburgo della rivoluzione russa di febbraio scesero in piazza per chiedere la fine della guerra. A questo evento si ispirò la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste, che si tenne del 1921 a Mosca, quando scelse questa data per istituire la Giornata internazionale dell'operaia.

In Italia la Giornata della donna iniziò a essere celebrata nel 1922 e prese forza nel 1945, quando l'Unione donne in Italia la celebrò nelle zone d'Italia già liberate dal fascismo. E’ infine l'anno successivo che, per la prima volta, tutta l'Italia festeggiò questa giornata e venne scelta la mimosa come simbolo della ricorrenza.

Negli anni settanta con il movimento femminista la Giornata internazionale della donna diviene occasione e momento simbolico di rivendicazione dei diritti femminili, dal divorzio alla contraccezione e legalizzazione dell'aborto.

E negli anni ottanta? Occasione per sciamare a vedere i Lorenteggio Dream Men... ma questa è una triste storia...

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: eventi · leggende · politica
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Matrimonio cinese con maschere antigas
6 marzo 2014

Troppo facile dire: "ti ho appena sposato e già mi manca l'aria" ma purtroppo c'è poco da ridere...


Abito bianco per lei, completo scuro per lui e maschera antigas per entrambi.
Una giovane coppia cinese ha realizzato un inquietante servizio fotografico matrimoniale sul Guomao Bridge di Pechino.

La città è avvolta da una cappa di inquinamento che forma una nube tanto densa da bloccare i raggi solari e impedire di conseguenza il processo di fotosintesi delle piante, un effetto che è stato addirittura paragonato a un inverno nucleare.
Nei rilevamenti delle scorse settimane sono stati raggiunti picchi di concentrazione di polveri sottili venti volte superiori alle soglie fissate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il dissenso dell’opinione pubblica cresce e le maschere antigas sono apparse oltre che sugli sposi anche sulle statue della città.

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: ambiente · eventi
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Carnevale
4 marzo 2014

Io delle date del Carnevale non ho mai capito nulla... ma oggi si mormora sia martedì grasso...


Il Carnevale si celebra nei paesi di tradizione cattolica, la parola carnevale infatti deriva dal latino "carnem levare" (eliminare la carne) in riferimento al periodo quaresimale che inizia il giorno successivo al martedì grasso.

Il martedì grasso segna quindi il termine del Carnevale in tutta Italia ma per Milano e le sue diocesi è il primo giorno dei festeggiamenti. Questo posticipo deriverebbe dal ritardo nel rientro in città da un pellegrinaggio del vescovo di Milano Ambrogio (ora patrono della città) e dal fatto che i cittadini ne attesero il ritorno per iniziare la quaresima.

Il Carnevale ambrosiano termina quindi con il sabato grasso, quattro giorni dopo la fine di quello del rito romano.

E' tradizione a Carnevale fare scherzi e travestirsi con costumi e maschere, spesso i festeggiamenti cittadini prevedono colorate parate pubbliche con sfilata di carri allegorici.

Piaciuti i costumi della bulldog Zelda?
www.zeldawisdom.com

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: animali · eventi
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Concerto dei Depeche Mode a Milano
19 luglio 2013

Che dire? Meraviglioso! E l'emozione di sentire lo stadio vibrare sotto i piedi...



Depeche Mode - Delta Machine Tour 2013
Giovedì 18 luglio, Stadio San Siro, Milano

La scaletta (con qualche piccola variazione):
Welcome to my world
Angel
Walking in my shoes
Precious
Black celebration
Policy of truth
Should be higher
Barrel of a gun
Higher love
The child inside
Heaven
Soothe my soul
A pain that I’m used to
A question of time
Secret to the end
Enjoy the silence
Personal jesus
Goodbye
A question of lust
Halo
Just can’t get enough
I feel you
Never let me down again


Scrive, più critico di altri ma acuto, Daniele Salomone: "La prima metà del concerto scorre via senza grandi sussulti. Nonostante un grande Dave Gahan (in forma strepitosa, con tanto di addominale scolpito), che si contorce e si dimena padroneggiano il corpo come chi danza sul serio, è Martin Gore a dare la scossa. La sua interpretazione di Shake The Disease, accompagnato solo dal piano, è da brividi e recupera l’intensità mancata fino a quel momento. Quando rientrano gli altri, finalmente c’è la giusta empatia tra band e pubblico. Ne godono tutti e il concerto assume un altro peso specifico. Una dopo l’altra Heaven, Soothe My Soul (cioè il meglio dell’ultimo Delta Machine), poi A Pain That I’M Used To, A Question Of Time, Secret To The End, Enjoy The Silence, Personal Jesus e Goodbye. Una botta di adrenalina, blues, elettronica, rock persino hard. San Siro si è sciolto e salta e balla e canta. L’istantanea di questo concerto è Just Can’t Get Enough, un momento di tripudio collettivo che allarga il sorriso anche di Dave Gahan. La doppietta conclusiva I Feel You e Never Let Me Down ci mette il punto esclamativo, con 120.000 braccia che si muovono come una gigantesca onda."
La recensione completa.

www.onstageweb.com/speciali/depeche-mode

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: eventi · musica
Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Fine del mondo
21 dicembre 2012

Questa sera cena maya… e che fine del mondo sia!


Il 21 dicembre 2012, come sintetizza mirabilmente Wikipedia, è la data del calendario gregoriano nella quale secondo alcune credenze e profezie, prive di qualsiasi rilievo scientifico, si dovrebbe verificare un evento, di natura imprecisata e di proporzioni planetarie, capace di produrre una significativa discontinuità storica con il passato.

L'evento, senza entrare nel dettaglio del calcolo ciclico del tempo (ciclo Tzolkin -calendario religioso-, ciclo Haab -calendario civile-, lungo computo), è collegato alla fine di uno dei cicli del calendario maya.

Per gli inguaribili ottimisti si tratterà di una radicale trasformazione dell'umanità in senso spirituale mentre i pessimisti parlano molto più semplicemente di fine del mondo.

Chi ricorda che nell'ultimo episodio di X-Files veniva rivelato che il 22 dicembre 2012, ossia il giorno successivo all'inizio di una nuova era cosmica, era la data programmata dagli alieni per invadere la Terra?


Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: cibo · eventi
Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Un paese e cento storie
12 novembre 2012

Un paese e cento storie.
Festa del cibo e dell’accoglienza in famiglia.
Dal 7 all’11 novembre 2012.
Belvedere Fogliense, Candelara, Case Bernardi, Monteciccardo, Montefabbri, Montegaudio, Novilara, Padiglione, Sant’Angelo in Lizzola, Villa Betti.

Che gusto ha un paese? Qual è il sapore dei ricordi?
Assaporare un’atmosfera non è solo un modo di dire se si parla di Un paese cento storie l’originale iniziativa, ideata e curata da Cristina Ortolani, che anima nel fine settima di San Martino alcuni borghi della provincia di Pesaro e Urbino.

La festa del cibo e dell’accoglienza in famiglia, nata a Belvedere Fogliense e giunta alla settima edizione, parte da una semplice quanto coraggiosa idea: aprire le case per accogliere a cena ospiti sconosciuti ai quali raccontare il proprio territorio e le proprie tradizioni, scambiando parole e storie intorno a una tavola imbandita come nei giorni di festa.

Per partecipare alle cene in famiglia non si paga, si prenota e ci si presenta presso la famiglia che verrà indicata con un mazzo di fiori, una bottiglia di vino, una scatola di cioccolatini o qualsiasi cosa si ritenga possa essere gradita, esattamente come a casa di amici.

Si cena in cucina, in sala da pranzo o nel tinello con piatti tipici di un territorio che, vicino al confine con la Romagna e a pochi chilometri da Urbino, presenta un crogiolo di tradizioni culinarie. Gli ingredienti sono quelli che in un altro contesto verrebbero definiti a chilometro zero ma qui sono più semplicemente: le verdure dell’orto, i funghi raccolti dal vicino, le uova delle galline che razzolano nel cortile.

Ospitalità e condivisione sono le parole chiave di questa esperienza che scalda il cuore. Lo spirito di Un paese cento storie è sincero e genuino come gli ingredienti della cucina di casa e si è rivelato capace di conquistare un numero sempre maggiore di persone disposte a dare o chiedere ospitalità.

Simbolo dell’iniziativa è “La Dirce” (rigorosamente con l’articolo), rappresentazione di tutte le cuoche, raffigurata nell’atto di offrire su un vassoio le storie dei paesi che partecipano all’iniziativa, racchiuse nell’antica rocca malatestiana di Belvedere Fogliense realizzata con pan di spagna e cioccolato.

Per l’edizione 2013 è prevista l’uscita del volume “In cucina con la Dirce” raccolta di ricette delle cuoche di Un paese cento storie legate a una storia o a un ricordo di famiglia, perché... un pasto è l’anima del cuoco fatta cibo.

Grazie a tutti per la bellissima avventura: a Walter e Cristina per aver reso tutto possibile, a Marica e Massimo che ci hanno scarrozzato e sopportato, a Alice e Andrea per averci ospitato e coccolato alla Locanda Montelippo, alla famiglia Mariotti Del Baldo e alla famiglia Balestrieri Antonelli per la meravigliosa accoglienza, alla cuoca Vanda e al cuoco Francesco veramente mitici e a tutti gli interessanti ospiti delle cene in famiglia. Grazie a tutti quelli che hanno piacevolmente riempito le nostre giornate e altrettanto piacevolmente le nostre pance! Grazie ai miei fantastici compagni di viaggio: Alex, Michela, Simone e non certo ultimo Ste.



unpaesecentostorie.farememoria.com

Per visualizzare eventuali immagini legate a questo post cliccare qui.


Commenti
Categorie: bere · cibo · eventi · viaggi
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,